UIM UIL UIL SERVIZI

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
UILWEBTV

Pensione di vecchiaia

 

La riforma Monti-Fornero ha apportato significative modifiche alla pensione di vecchiaia incidendo in particolare sull’innalzamento dell’età pensionabile per le donne del settore privato.
Oltre alle modifiche inerenti l’elevazione dell’età pensionabile si interviene parificando il requisito minimo di contribuzione – pari a 20 anni – finora diversificato tra soggetti del sistema retributivo/misto e soggetti del sistema contributivo.

 

Tabella riassuntiva dei requisiti anagrafici in presenza del requisito contributivo minimo di 20 anni *

 

 

Lavoratori dipendenti (pubblici e privati); autonomi; parasubordinati

Lavoratrici dipendenti pubblico impiego

Lavoratrici dipendenti settore privato

Lavoratrici autonome/ parasubordinate

Anni

Età

Età

Età

Età

2012

66

66

62

63 e 6 mesi

2013

66 e 3 mesi

66 e 3 mesi

62 e 3 mesi

63 e 9 mesi

2014

66 e 3 mesi

66 e 3 mesi

63 e 9 mesi

64 e 9 mesi

2015

66 e 3 mesi

66 e 3 mesi

63 e 9 mesi

64 e 9 mesi

2016

66 e 7 mesi

66 e 7 mesi

65 e 7 mesi

66 e 1 mese

2017

66 e 7 mesi

66 e 7 mesi

65 e 7 mesi

66 e 1 mese

2018

66 e 7 mesi

66 e 7 mesi

66 e 7 mesi

66 e 7 mese

2019

67 67 67 67

2020

67 67 67 67

2021

67 67 67 67

 

Dal 2022 e per gli anni successivi prosegue l’innalzamento secondo la medesima progressione legata all’incremento della speranza di vita (adeguamento stimato: 2 mesi ogni biennio).

 * La tabella riguarda solo chi matura i requisiti dal 2012 e non anche chi li ha maturati secondo la vecchia disciplina entro il 31.12.2011.