UIM UIL

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
terzomillennio.uil.it

Opzione donna, dal 2024 aumenta l'etÓ minima e resta invariato il requisito contributivo

31/05/2024

 

Non più 60 ma 61 anni per accedere a Opzione Donna nel 2024. È quanto stabilito dall’ultima Legge di bilancio: per avere diritto al trattamento anticipato le donne dovranno attendere un anno in più.


Solo in alcuni casi è tuttavia prevista la possibilità di beneficiare di alcune riduzioni che consentirebbero l’accesso anticipato alla pensione anche con 59 anni età.


Vediamo nel dettaglio quali sono le lavoratrici che possono accedere a Opzione Donna 2024 e quali sono i requisiti per accedere alla misura, anche alla luce delle ultime indicazioni fornite dall’INPS con la circolare n. 59/2024.


Opzione Donna, età anagrafica e requisito contributivo.


Per accedere alla pensione anticipata con Opzione Donna sono richiesti 61 anni di età e un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni. I requisiti devono essere soddisfatti entro il 31 dicembre 2023.


Per le donne che hanno figli viene confermata la riduzione, di uno o massimo due anni, dell’età anagrafica per accedere alla misura.


Di fatto, quindi, l’età di accesso a pensione con Opzione Donna varia a seconda dei casi:


  • 61 anni per la generalità delle lavoratrici;
  • 60 anni per le donne con un figlio;
  • 59 anni con due o più figli;
  • 59 anni di età, a prescindere dal numero di figli, per le lavoratrici dipendenti o licenziate da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale.

 

Inoltre, ai fini del requisito contributivo dei 35 anni hanno valore anche tutti i contributi versati nei Paesi UE o in quelli legati all'Italia da convenzioni bilaterali. Resta fermo il requisito del periodo contributivo minimo da fare valere (52 settimane in Italia o quello diversamente previsto dalla convenzione bilaterale di riferimento).


Condizioni che danno accesso a Opzione Donna 2024.


L’accesso a questa specifica misura è consentito alle lavoratrici che al momento della presentazione della domanda di pensione si trovino in una delle seguenti condizioni:


  • essere un caregiver (da almeno sei mesi) di un familiare secondo i casi previsti dalla legge;
  • essere riconosciuti invalidi con riduzione della capacità lavorativa superiore o uguale al 74%;
  • essere stati licenziati o dipendenti da imprese per le quali è attivo un tavolo di confronto per la gestione della crisi aziendale presso la struttura per la crisi d'impresa.


Tempi di attesa per la decorrenza della pensione.


Per la pensione anticipata Opzione donna 2024 sono previste due finestre mobili che devono essere calcolate dalla data di maturazione dei requisiti anagrafici (61 anni) e contributivi (35 anni):

 

  • 12 mesi, per le lavoratici dipendenti pubbliche e private;
  • 18 mesi, per le lavoratrici autonome.

 

La pensione è liquidata esclusivamente con le regole di calcolo del sistema contributivo.

 

 

 

 

(Foto © insta_photos - stock.adobe.com)