UIM UIL UIL SERVIZI

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
UILWEBTV

Il Servizio Civile Nazionale

Dagli Obiettori di Coscienza al Servizio Civile Nazionale ITAL

L’ITAL  ha  partecipato al mondo dell’obiezione di coscienza sin dalla approvazione della legge 772 avvenuta nel 1972, facendo svolgere,  il servizio civile sostitutivo al servizio militare, a giovani che,  con questa legge, avevano avuto il riconoscimento del  loro diritto all’obiezione per motivi morali, religiosi e filosofici.
L’esperienza iniziale di poche decine di coraggiosi, diventa, a partire dagli anni ’80 l’esperienza di migliaia di giovani grazie anche alla sentenza della Corte Costituzionale  del 1989, che parifica la durata dei due servizi sia militare che civile.
Si assiste così all’esplosione numerica degli obiettori che raggiunge nel 1999 la cifra di oltre 110.000 domande e  nello stesso tempo in modo silenzioso ma sistematico all’aumento dell’offerta di servizio civile che passa da poche associazioni a migliaia di enti tra Comuni, Unità Sanitarie locali e principalmente associazioni locali di Terzo Settore.
Il Servizio Civile viene così a costituirsi come una valida risorsa sociale per il Paese.
A questo punto siamo sempre nel  periodo di obbligatorietà del servizio sia esso militare che civile;  ci vorranno 11 anni di dibattiti politici (1987 – 1998) per vedere varata  la legge (230) che riconosce il servizio civile come integralmente sostitutivo, diverso per natura e autonomo  dal servizio militare,  ma come questo rispondente al dovere costituzionale di difesa della Patria.
Proprio per rispettare questo carattere di autonomia dal servizio militare, il servizio civile viene sottratto dall’amministrazione del Ministero della Difesa e viene costituito un apposito  Ufficio Nazionale per il Servizio Civile alla diretta dipendenza della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Il 14 novembre del 2000 il Parlamento approva la legge 331 con la quale si attua una riforma altamente innovativa che istituisce il servizio militare professionale quindi non più su base obbligatoria, fissando la data di sospensione della leva per il gennaio 2007,  anticipata poi al 2005 .
Arriviamo al  6 marzo 2001 per avere al Parlamento l’approvazione  della legge 64 che istituisce l’attuale Servizio Civile Nazionale;  un servizio volontario, aperto anche alle donne,  che propone ai giovani di investire un anno della propria vita svolgendo un ‘attività di utilità sociale.
Ed è proprio a questo Servizio Civile Nazionale che l’ITAL aderisce accreditandosi autonomamente presso l’UNSC e, scendendo in campo con progetti di servizio civile,  mette la sua esperienza pluriennale a servizio della collettività.