UIM UIL UIL SERVIZI

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
UILWEBTV

Legge di bilancio 2020: natalitą e famiglie

24/01/2020

 


È stata pubblicata, sul Supplemento Ordinario n. 45 alla Gazzetta Ufficiale n. 304/2019, la Legge 27 dicembre 2019, n. 160 “Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2020 e bilancio pluriennale per il triennio 2020-2022”.

In estrema sintesi, riportiamo alcune delle novità che interessano le famiglie, alcune del tutto nuove e altre prorogate per l’anno in corso con modificazioni.

Aumenta la durata del congedo obbligatorio per i padri lavoratori dipendenti da 5 a 7 giorni, da fruire entro i cinque mesi dalla nascita del figlio, ai quali si può aggiungere, come era già previsto, un ulteriore giorno di congedo facoltativo in sostituzione della madre.
 

È stato prorogato l’assegno di natalità (c.d. Bonus bebè) per i bambini nati o adottati nel 2020, corrisposto per la durata di un anno. Il bonus verrà esteso a tutti, variando in base al valore dell’ISEE minorenni. L’importo sarà pari a: a) 1.920 euro all’anno qualora il reddito del nucleo familiare non sia superiore a 7.000 euro annui (ISEE); b) 1.440 euro annui per un valore dell’ISEE superiore a 7.000 euro e non superiore a 40.000 euro; c) 960 euro annui per un valore dell’ISEE superiore a 40.000 euro. È confermata la maggiorazione del 20% per ogni figlio successivo al primo, nato o adottato nel corso del 2020.
L’importo del bonus bebè varia in base al valore dell’"ISEE minorenni".
Per confermare il diritto al Bonus bebè è necessario richiedere l’ISEE 2020.

Inoltre, il “Bonus nido” è stato incrementato e rimodulato su fasce ISEE. Pertanto, sarà corrisposto nella misura di 3.000 euro per i nuclei familiari con un valore ISEE fino a 25.000 euro, e di 2.500 euro per i nuclei familiari con un ISEE da 25.001 euro fino a 40.000 euro.
 

Una novità consiste nell’erogazione di un contributo per l’acquisto di sostituti del latte materno alle madri che non possono allattare, in quanto affette da particolari patologie, fino all’importo massimo annuo di euro 400 per neonato e comunque fino al sesto mese di vita. Le misure attuative verranno stabilite con apposito decreto ministeriale.