UIM UIL UIL SERVIZI

AREA RISERVATA


Hai dimenticato la password?
ItalInforma
LIM
UILWEBTV

Pensioni estero: accertamento esistenza in vita

02/05/2019



È stata avviata da Citibank la seconda fase dell’annuale accertamento dell’esistenza in vita dei pensionati residenti all’estero.

Questa fase riguarda i pensionati residenti in Sud America, Centro America, Nord America, Asia, Medio ed Estremo Oriente, Paesi Scandinavi, Stati dell’Est Europa e Paesi limitrofi precedentemente esclusi, prevedendo la spedizione di circa 128.000 plichi contenenti la lettera esplicativa e il modulo di attestazione.

Come di consueto, i moduli standard e alternativi di attestazione dell’esistenza in vita, una volta compilati dai pensionati e controfirmati da un testimone accettabile unitamente alla documentazione di supporto, dovranno essere inviati alla casella postale “PO Box 4873 Worthing BN99 3BG, United Kingdom".


Le attestazioni dovranno pervenire a Citibank entro il 15 giugno 2019.


Il pagamento della rata di luglio 2019, per coloro che non attesteranno l’esistenza in vita entro la data del 15 giugno 2019, avverrà in contanti presso le agenzie Western Union del Paese di residenza e, in caso di mancata riscossione personale entro il 19 luglio 2019, il pagamento della pensione sarà sospeso a partire dalla rata di agosto 2019.

Si ricorda che, in attesa che vengano recapitate le comunicazioni personalizzate di attestazione dell’esistenza in vita ai pensionati coinvolti nella seconda fase della verifica, gli operatori di Patronato, abilitati da Citibank, possono già generare, autonomamente, il modulo standard e quello alternativo per la prova di esistenza in vita, e caricare direttamente sul sistema informatico di Citibank le copie in formato elettronico dei moduli debitamente completati e sottoscritti dai soggetti interessati e, a seconda dei casi, della documentazione di supporto. Inoltre, gli operatori di Patronato abilitati, possono anche caricare a sistema le certificazioni di esistenza in vita emesse da Enti pubblici locali, a condizione che le medesime costituiscano valida attestazione dell’esistenza in vita, ai sensi della legge del Paese di residenza del pensionato.